Consorzi bonifica, Dopo trent’anni Regione pone fine al precariato avventizio











I Consorzi di Bonifica della Sardegna si preparano a dare attuazione alle procedure per la stabilizzazione del personale avventizio, così come richiesto da oltre un anno dal Consiglio Regionale e dalla Giunta Solinas.

Il provvedimento è stato oggetto di un lungo confronto con l’Anbi (l’associazione dei Consorzi di bonifica), con gli stessi Consorzi e le segreterie regionali delle organizzazioni sindacali che rappresentano le categorie di lavoratori interessate.

Una vicenda che andava avanti da oltre trent’anni a cui ha posto rimedio Il Consiglio Regionale targato Christian Solinas mettendo nel proprio bilancio le risorse finanziarie per consentire ai Consorzi di bonifica di procedere speditamente con le procedure di stabilizzazione degli avventizi.

Ora ecco la firma dei primi contratti di stabilizzazione, un lieto fine che riguarda circa 200 lavoratori sardi, lavoratori che avevano maturato da tempo il diritto all’assunzione e che nonostante la precarietà, hanno sempre assicurato con professionalità le attività fondamentali per i Consorzi nel settore della manutenzione delle reti idriche agricole.