Covid a Siurgus Donigala: il sindaco ordina la zona rossa











Siurgus Donigala è il primo comune in Trexenta a diventare zona rossa. <Cari concittadini/ne, purtroppo devo comunicarVi che a seguito delle note sanitarie inviatemi il 3 e il 6 aprile 2021 sulla diffusione del SARS-COV2, con la quale l’ATS evidenzia dall’ analisi dei dati sui casi confermati e residenti nel Comune di Siurgus Donigala, un aumento della diffusione dell’infezione da Covid-19 nella popolazione negli ultimi 7 giorni, ben superiore al valore definito come criterio per l’individuazione delle zone rosse pari a 250 su 100.000 abitanti> spiega il sindaco Antonello Perra sul suo profilo Facebook, che prosegue <Sono stati rilevati due focolai scolastici, uno nella scuola dell’infanzia e uno nella primaria, con evidenza laboratoristica di dropout per il gene S del virus Sars-CoV2, condizione tipica in presenza di VARIANTE dello stesso virus. > Grande preoccupazione tra gli amministratori e gli abitanti di Siurgus Donigala che vedono peggiorare la situazione epidemiologica. <Al fine di tutelare la Salute Pubblica, è necessario dichiarare il nostro Comune “ZONA ROSSA” FINO AL 17 APRILE COMPRESO> di seguito le misure adottate dall’ordinanza N.10:

1. Sospensione nel comune delle attività in presenza nelle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di I°;

2. Sospensione del commercio ambulante e del mercato settimanale;

3. Chiusura al pubblico del cimitero;

4. Chiusura al pubblico della biblioteca;

5. Chiusura al pubblico di aree pubbliche;

6. Chiusura degli impianti sportivi;

7. Chiusura al pubblico della Casa Comunale. Il pubblico potrà essere ricevuto solo previo appuntamento telefonico e per urgenti e comprovate necessità;

8. Chiusura di tutti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande (Bar- Pizzerie). E’ consentito fino alle ore 18.00 il servizio di asporto per i Bar, le pizzerie potranno consegnare a domicilio fino alle ore 22.00.

9. Sono sospese le attività inerenti i servizi alla persona(saloni di barbieri e parrucchieri, centri estetici, attività di tatuaggio e piercing)

10.E’ vietato il consumo su aree pubbliche di alimenti e bevande di qualsiasi tipo e genere sia in forma itinerante che statica.

11. E’ vietata qualsiasi forma di assembramento, deve inoltre essere mantenuta la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro e di almeno due metri se si pratica attività sportiva.

<Attualmente i casi di positività ammontano a 20 unità, con 64 casi di quarantena e 30 casi di isolamento fiduciario.Infine informo che sono stati adottati tutti i protocolli previsti e la situazione è monitorata dalle autorità competenti. A breve l’Ats effettuerà uno screening con tamponi molecolari su tutta la popolazione scolastica della comunità.Uniti e rispettando le regole ne usciremo!> Conclude il sindaco Perra.